L’uso sociale dello svergognare

Zambardino, qui via Mantellini,  ricorda bene come la bufala rimanga impressa ben oltre la smentita. Con fondazione ahref avevamo iniziato a dare una mano insieme a tanti provando a introdurre il fact checking sociale. Un sensore delle boiate, il crap detector di Hemingway, come ricorda Luca. La questione è anche quanto la bufala vada oltre l’errore o la svista ma sia un’altro uso sociale metodico dello svergognare. E il bel post, di Castigliego con la recensione del libro “Is shame necessary” contribuisce all’ipotesi. La bufala come una lettera scarlatta. “Oggi la lettera scarlatta viaggia per internet e social network, grazie alla velocità, pseudo-anonimità, convenienza psicologica e economica del mezzo, e può provocare conseguenze sproporzionate sia online che offline, altrettanto crudeli di quelle inflitte a Hester, come evidenzia anche la Jacquet nel capitolo The Scarlet Internet.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...