La misericordia

In questi giorni ho trovato nelle conversazioni con le persone delle parole importanti, empatia, neuroni a specchio, la gratuità, i grafi e i social newtork, l’economia del dono. E poi l’ultima la più importante che le riassume tutte. La misericordia. Un termine vecchio, che mi ricorda l’insegnante di catechesi alle elementari, ma da recuperare, perché tutti siamo miseri in questa epoca di umanità perduta. La misericordia oltre l’empatia perché è amore, giustizia e condizione umana. La misericordia oltre e dentro i social network perché è il primo punto dell’umanizzazione e della socialità. L’amore per l’altro, la compassione è l’unico legame sociale. Interessarsi dei miseri, quindi di tutti noi. A partire da imparare a avere compassione di noi stessi, senza pietismi. Perché misericordia è un bella parola, piena di vita, di voglia di fare, di reciprocità, di dono, di cuore.
“Il fatto che qualcuno possa compatire la sofferenza dell’altro è il grande avvenimento umano, il grande evento ontologico” (E. Levinas, Une éthique de la souffrance).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...